Cosa Vedere in Costiera Amalfitana

La Costiera Amalfitana è la lunga costa che circonda il Golfo di Salerno. I paesini che vi si affacciano sono dei veri gioielli della natura in cui paesaggio, mare blu, bellezze archeologiche, sapori culinari ed artigianato raffinato si coniugano magistralmente offrendo al visitatore un luogo incantevole da visitare. Ecco alcuni consigli per organizzare il tuo viaggio in Costiera.

Cosa vedere, la celebre SS 163 percorre, con le sue curve mozzafiato, tutta la Costiera offrendo panorami e scorci indimenticabili. Partendo da Napoli la prima cittadina che incontrerai è la romantica ed incantevole Positano una perla incastonata tra mare e monti, prosegui e arriva a Conca Dei Marini poi ad Amalfi, l’antica Repubblica Marinara dove non puoi perdere il bellissimo Duomo.

Prosegui il tuo viaggi verso Atrani, un piccolo borgo marinaro caratterizzato da piccole abitazioni separate da viuzze strette e tortuose, dove potrai visitare l’elegante Chiesa di SS Salvatore De Bireto. A Minori e Maiori, due vivaci centri di villeggiatura, fermati sulle spiagge di sassolini per un tuffo nelle limpide acque.

Raggiungi poi Ravello che, trovandosi in alto, offre una delle vedute panoramiche più belle della Costiera. Qui potrai visitare Villa Cimbrone, Villa Rufolo e il bellissimo Duomo che conserva opere preziose come le porte in bronzo e l’ambone mosaicato. Prosegui il tuo itinerario toccando Cetara, piccolissimo e pittoresco borgo marinaro, e Vietri Sul Mare, deliziosa cittadina famosa per le ceramiche colorate presenti su moltissimi edifici e negozi dove potrai visitare anche il Museo della Ceramica.

Cosa gustare: le prelibatezza dagustare sono tante e ogni paesino ha le sue specialità. A Conca Dei Marini fermati a gustare la santarosa, antenata della celebre sfogliatella, da cui fuoriescono rivoli di crema guarniti di amarene. Ad Amalfi c’è il limone tipico della costiera con il suo profumo intenso, ad Atrani fermati a mangiare il pesce azzurro, a Maiori e Minori una buona cena di mare (insalate di polipo, triglie fritte, linguine ai frutti di mare). Ravello è famosa per i suoi vini DOC e Cetara per le colature di alici e il tonno rosso.

Come Iniziare Collezione di Bottiglie

Avete pensato di iniziare un nuovo hobby? Le bottiglie di vetro decorate o con i tappi a capsula possono essere una bella collezione. Ma da dove cominciare?

Coca-cola, liquori, profumi, birra, latte, spuma? Internet può essere la porta sul mondo delle bottiglie antiche. La raccolta di informazioni prima di iniziare una collezione di bottiglie può far risparmiare tempo, fatica e denaro e poi potrete iniziare un passatempo divertente e gratificante.

Considerate le dimensioni, forma, colore e facilità di stoccaggio (è una collezione che richiede comunque molto spazio) prima di decidere su quali tipi di bottiglie si desidera raccogliere. Dopo alcune ricerche l’importante è scegliere il tipo di bottiglia che più vi piace.

Analizzate la vostra situazione personale: siete in grado di permettervi questo tipo di collezione? Avete bambini piccoli o animali domestici che potrebbero danneggiare i pezzi? Vivete in una zona dove ci sono i terremoti? Pensateci bene prima di iniziare questa collezione piuttosto costosa.

Considerate sempre che prima di iniziare è buona norma sia informarsi su associazioni storiche di collezionisti di bottiglie sia in merito alla presenza di esperti, magari in rete, disponibili ad aiutarvi e a darvi informazioni in questo comunque complicato mondo collezionistico

Chattate o contattate altri collezionisti su siti e soprattutto forum per saperne di più su ciò che è disponibile sul mercato e quanto costa ogni singola bottiglia tra quelle che vi interessano.

Decidete dove potrete mettere la vostra collezione. Quando avrete acquistato più di un paio di bottiglie quasi sicuramente non sarete in grado di esporle tutte. Dove e come intendete conservare quelle che non utilizzate come esposizione? Una piccola collezione potrebbe essere collocata in uno scaffale o con un portabottiglie, ma una raccolta più ampia potrebbe aver bisogno di spazi molto grandi. Questo è il grande problema di questo tipo di collezione

Come Dipingere un Comodino con un Orsetto

Un tocco di tenerezza e fantasia per la stanza dei nostri bambini non guasta mai. Realizzare il comodino con un dolce orsetto, risulterà un lavoro molto divertente e facile grazie alla guida che ti spiega passo dopo passo come svolgere il lavoro. La difficoltà è media ed il costo dei materiali per la realizzazione è abbastanza ristretto.

Inizia col carteggiare leggermente il comodino e con un panno umido raccogli i residui della polvere, in secondo momento con un pennello piatto stendi la vernice di fondo trasparente. Stendi su tutto il comodino il colore acrilico beige rosato, in modo non uniforme.Posiziona la carte grafite e la carta da lucido. Utilizzando lo stilo, trasferisci il cartamodello sulla superficie grazie all’utilizzo della carta grafite.

Inizia a dipingere il corpo dell’orsetto. Utilizzando il colore acrilico terra di Siena e beige andando a picchiettare contemporaneamente piccole zone di colore.Prosegui il lavoro dipingendo rispettivamente il vestitino, le scarpette ed il cappello con il colore rosa.Procedi stendendo uno strato di colore nelle zone già dipinte precedentemente e crea delle ombreggiature su tutto il corpo dell’orsetto del suo vestitino.

Lumeggia il corpo dell’orsetto ed il musetto con il colore acrilico bianco, dipingendo anche le rispettive guance rosa.Con il pennello tondo aggiungi tanti piccolo pois bianchi sul cappelloe aggiungi ulteriori dettagli come i fiocchi sulle scarpe ed il fiocchetto della maglia.Infine rifinisci tutto il lavoro con una passata di vernice finale opaca spray a solvente per proteggere il lavoro e poterlo finalmente collocare.

Cosa Vedere a Hanau

Hanau è una città di quasi 90.000 abitanti nel Land dell’Assia, a una ventina di chilometri da Francoforte. E questo comune tedesco ha altre particolarità che vi invito a scoprire in questa guida.

Se ti trovi nei paraggi di Francoforte sul Meno e sei curioso di vedere dove sono nati gli autori di tante fiabe che hai letto o ti hanno raccontato nella tua infanzia, ti consiglio di andare a Hanau, città natale dei Fratelli Grimm. Ci puoi arrivare in macchina o in treno oppure anche con la bicicletta perché c’è una bella pista ciclabile che corre lungo il fiume Meno. Prima di arrivare ad Hanau, però, devo farti una raccomandazione: non aspettarti di trovare la caratteristica cittadina delle fiabe, come se ne trovano tante in Germania.

Hanau è una città industriale, di quasi 90.000 abitant, ex base militare americana con molti edifici, anzi, intere zone, da riconvertire ad uso civile. L’abitazione dei Fratelli Grimm è stata distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale ma puoi trovare il bel monumento a loro dedicato nella Marktplatz, la piazza del mercato davanti al Municipio che, due volte alla settimana, presenta il tradizionale mercato ortofrutticolo con i prodotti locali, a km zero diremmo noi.

Se sei interessato allo shopping, il centro di Hanau è pieno di grandi magazzini, certo con tanta moda tedesca un po’ trash ma anche questo fa parte del luogo che, non dimenticare, è una città operaia, industriale. Fuori Hanau ti consiglio di andare a visitare Wilhelmsbad, una piccola reggia con antichi scopi termali in stile neoclassicista con un bel parco all’inglese che, questo sì, ha molto di fiabesco! Comunque da Hanau parte anche la Deutsche Märchenstraße, la strada delle fiabe, che arriva fino alla Brema dei famosi musicanti passando per la Hameln del pifferaio magico.

Come Decorare delle Porcellane a Terzo Fuoco

Come sanno essere tristi a volte delle porcellane, vi verrebbe voglia di buttarle via. Non lo fate, anzi seguite questa guida che con pochi e semplici passi vi aiuterà a domare un aspetto nuovo alle vostre tristi porcellane. Non bisogna essere decoratori per dare vita alle porcellane.

Occorrente
1 sottopentola in porcellana e legno
1 portauova in porcellana
1 saliera in porcellana
Colori per decorazione a terzo fuoco: marrone chiaro, giallo bruno, giallo sole, giallo uovo,verde chiaro, verde scuro, rosa, rosso fuoco, grigio azzurro, azzurro cielo
Silicone per vetri
Pennelli

Per un allegro completo da cucina, ispirato agli animali della campagna, ecco un sottopentola, una saliera, e un portauova in porcellana, decorati a terzo fuoco con simpatici pulcini appena usciti dal loro guscio. Per decidere esattamente quale disegno realizzare, potete prendere spunto da bigliettini augurali o carte regalo; grande fonte di ispirazione sono anche gli schemi dei ricami.

Il sottopentola è formato da una piastrella di porcellana e da un supporto di legno. Realizzate il disegno della gallina con la tecnica del delineo. Dopo aver cotto il disegno e realizzato la colorazione, ricuocete la piastrella. Incollate, con il silicone per vetri, la piastrella alla cornice di legno, mettete sopra un peso e lasciate riposare il tutto una notte. Per decorare la saliera e il portauova, procedete nello stesso modo, variando il disegno.

Se preferite, potete sostituire gli oggetti in porcellana con un completo in ceramica. Ricordatevi però che il supporto di ceramica risponde diversamente dalla porcellana: il delineo tende a essere più marcato e il colore più vivace. Tenetelo presente quando decidete di dipingere un completo per la cucina o per il bagno. Se volete che la resa sia uguale, scegliete oggetti dello stesso materiale.

Scroll To Top