Come Stirare in Modo Veloce

Certamente dopo una giornata di lavoro divisa tra figli, ufficio e marito, non è certamente una cosa piacevole rientrare a casa e trovare una valanga di biancheria da stirare, la settimana scorsa non ci siamo riuscite a smaltirla, ma questa settimana non possiamo di certo saltare nuovamente di stirare, tra l’altro c’è qualche indumento che sia a me che ai ragazzi serve quindi rimbocchiamoci le maniche e armiamoci di buona volontà per stirare.

Volevamo darti qualche piccolo suggerimento per facilitare il tuo compito ed anche sveltirlo.

La cosa principale è di posizionare la biancheria in maniera corretta sulle corde, ricorda le pinze vanno mese sempre le ascelle.

Quando rientri la biancheria dal tuo balcone, dato che trascorerrano dei giorni prima che tu possa stirarla, ti raccomando di piegarla per bene e non appollottolarla come facciamo di solito per la fretta.

Mentre stiri cerca di appiattire il tessuto con le mani con la tua sinistra, con la destra fai scorrere il tuo ferro da stiro.

Ricordati che l’appretto va spruzzato sempre sul rovescio degli indumenti.

Non passare mai il tuo  ferro da stiro sui bottoni.

Quando stiri delle camicie o abiti di seta ricordati di farlo al rovescio.

Anche gli abiti scuri vanno stirati al rovescio.

Le tshirty dei tuoi ragazzi con i disegni plastificati, bisogna stirarli  con il ferro da stiro a temperatura tiepida e al rovescio.

In questa guida abbiamo parlato di ferro da stiro, oggi però sono disponibili anche le presse, che sono ancora più veloci. Per informazioni dettagliate è possibile vedere questo sito sulla pressa da stiro. Bisogna comunque dire che i prezzi sono ancora piuttosto elevati.

Come Verniciare una Bici

Adoro la mia vecchia bicicletta, non riesco proprio a mandarla in pensione, troppe avventure insieme, troppe catene cadute e troppe forature per abbandonarla al suo destino, ma a dirla tutta ha proprio bisogno di una bella sistemata. Allora vediamo come verniciare la bicicletta in poche semplici mosse.

Per verniciare la bicicletta dobbiamo procurarci l’occorrente necessario, armarci di molta pazienza, e seguire passo-passo le fasi di lavorazione sotto:

– Naturalmente per verniciare la bicicletta dobbiamo procuraci la bicicletta.
– Un grosso pezzo di cartone
– Almeno due bombolette spray per biciclette
– Uno sgrassatore specifico per biciclette
– Carta vetrata di diversi spessori
– ferri come brugole e chiavi inglesi di diverse misure
– Acquaragia “a go go”
– un compressore (se possibile)
– sacchi di plastica
– L’immancabile nastro adesivo di carta
Iniziamo a verniciare la bicicletta:

Il luogo ideale per effettuare questa operazione è naturalmente il Box di casa, ma vanno anche bene la cantina o il cortile del condominio, unica costante per poter verniciare la bicicletta nel migliore modo è quello che il luogo non deve essere troppo polveroso. Stendiamo per terra il cartone che ci siamo procurati, posizioniamo sopra la nostra bicicletta, rigiriamola appoggiandola dalla parte del manubrio e della sella.

Aiutandoci con le brugole e le chiavi inglesi smontiamo le ruote, i parafanghi e la sella, facciamo attenzione quando smontiamo queste parti per il successivo rimontaggio.

Iniziamo a togliere ogni adesivo presente sulla bici, se non dovessero venire via possiamo aiutarci con il calore di un asciugacapelli, poi puliamo le parti da riverniciare con lo sgrassatore per biciclette. Con la carta vetrata più spessa rimuoviamo la vernice dal telaio (un lavoraccio), poi ripassiamo il telaio con la carta vetro a grana sottile, l’effetto che vogliamo ottenere è un telaio il più liscio possibile, puliamo il tutto con una passata di acqua ragia, per rimuovere ogni traccia di polvere utilizziamo l’aria del compressore.

Applichiamo i sacchetti di plastica sul manubrio, sui pedali e su tutte le zone che non saranno verniciate, quindi ricopriamo ogni parte con il nastro adesivo di carta.

Siamo arrivati al momento più delicato di tutta la nostra “sfida” per verniciare la bicicletta, agitiamo per un paio di minuti la bomboletta spray del colore che abbiamo scelto, cominciamo a spruzzare in modo omogeneo sulle parti da verniciare, tenendoci a una distanza di circa 25 cm.

Facciamo asciugare la bicicletta per un giorno intero, togliamo il nastro adesivo e i sacchetti dalle parti che avevamo protetto, ora non rimane che assemblare i pezzi smontati.

Cosa Vedere a Washington

Washington è una delle città più importanti al mondo, soprattutto fra le più influenti nella vita politica mondiale, in quanto è la capitale degli Stati Uniti d’America.

Ha una popolazione di più di 6.000.000 di abitanti, e la troviamo sulla costa orientale degli Stati Uniti, circa a 50 km dal mare, vicino al Maryland.

A Washington si trovano i principali uffici del governo, fra cui la Casa Bianca, il Congresso, e la Corte Suprema. La Casa Bianca è un po’ il simbolo di questa città, che si trova al centro di un parco e qui abita il Presidente con la sua famiglia. La Casa Bianca è possibile anche visitarla con delle guide, solo però in alcune stanze, e lo si può fare anche gratuitamente.
Nella Casa Bianca vengono anche ospitati e ricevuti i capi di stato, e i vari rappresentanti politici.

Washington ovviamente non è solo la Casa Bianca, ma ci sono anche tante altre cose che si possono visitare, come la National Mall, ovvero una zona molto grande dove si trovano i più importanti musei della città. Questi sono il National Air and Space Museum, il Museum of Natural History, il National Museum of American History, il Smithsonian Museum e la National Gallery, un museo bellissimo considerato uno dei simboli della città, e uno dei musei più belli di tutti gli Stati Uniti.

Altre attrazioni della città, sono il Lincoln Memorial, il Vietnam, Veterans Memorial e il Franklin Delano Roosevelt Memorial.

Essendo una città molto grande, è molto caotica e per questo i mezzi pubblici sono molto efficienti. Ci sono tantissimi taxi e anche diversi pullman.

Per visitare Washington, la stagione consigliata è quella primaverile, o anche a partire da settembre fino a novembre.

Washington presenta anche una vita notturna particolarmente intensa; sono presenti attrazioni per tutti i gusti, fra cui non possono mancare i cinema, i teatri, e molte discoteche.

Come Preparare uno Scrub per il Viso

Una perfetta pulizia del viso non può assolutamente prescindere da uno scrub ben fatto. La pelle infatti, per ricevere i trattamenti, deve avere i pori ben puliti da ogni scoria, cellula morta o traccia di sebo. Se vuoi puoi prepararti uno scrub a casa con ingredienti

Prendi una terrina possibilmente non in metallo e un cucchiaio di legno.
Metti nella terrina 2 cucchiai abbondanti di bicarbonato di sodio e una tazza da caffè di acqua fredda.
Aggiungi a questa pappina ottenuta appena tre gocce di olio essenziale di rosmarino.
Gira bene il composto ottenuto, ma non far sciogliere il bicarbonato.

La pappina ottenuta deve essere densa, se è troppo liquida aggiungi altro bicarbonato, la prossima volta ti regolerai meglio con l’acqua.

Il bicarbonato sarà un ottimo purificante, inoltre la sua grana sottile andrà ad esfoliare la pelle man mano che massaggi.
L’olio essenziale di rosmarino è purificante e tonificante.

Massaggia ben bene il viso dopo averlo deterso, ma ricorda di procedere poi con un tonico e una maschera, ai quali seguirà una buona crema idratante.

Questo scrub è ottimo per chi ha una pelle grassa o impura, tende però a seccare ed irritare, quindi va fatto saltuariamente.

Come Preparare uno Scrub per il Corpo

Anche tu sei tra quelle persone convinte che lo scrub elimini in maniera definitiva l’abbronzatura? Sbagliato. Questo trattamento rinnova il ricambio cellulare andando ad eliminare solo le cellule morte. In questo modo, l’esfoliante garantisce un colorito più uniforme e duraturo.

Fai uno scrub almeno una volta al mese: mescola una tazza di sale marino con latte e succo di ananas. Il sale marino, ricco di sali ed oligoelementi, svolge un’efficace azione dermopurificante, il succo di ananas, invece, favorisce l’eliminazione di tossine e di liquidi, il latte, infine, idrata fino in fondo la pelle.

Friziona il composto con movimenti circolari su tutto il corpo, meglio se subito dopo una doccia calda, quando i pori della pelle sono dilatati e, quindi, più ricettivi. Insisti maggiormente sulle zone più ruvide come gambe, ginocchia, braccia, gomiti, glutei e piedi. Aspetta una decina di minuti, massaggiando periodicamente il composto.

Risciacqua il tutto con abbondante acqua tiepida. Non dimenticarti, dopo aver asciugato accuratamente la pelle, di applicare sul corpo una crema idratante che, grazie alle sostanze grasse contenute al suo interno, rafforza la barriera epiteliale protettiva e rende la nuova pelle più tonica ed elastica.

Scroll To Top