Come Giocare a Solitario con le Carte Napoletane

A volte capita di essere da soli in casa, e non saper proprio cosa fare. Se ti trovi in questa situazione, e se in casa hai un mazzo di 40 carte napoletane, prendile, segui questa guida e inizia a giocare! Vedrai che il tempo passerà velocemente, e non riuscirai più a staccarti.

Per prima cosa prendi le carte e inizia a mischiarle per bene! Smazza, e inizia a sistemare le carte sul tavolo. Iniziando dall’alto, metti prima una carta; ai due lati aggiungine due; agli angoli delle carte esterne metti 2 carte, e una mettila in mezzo e così via, fino ad avere sette righe di carte.

In questo modo dovrai ottenere:
prima riga: 1 carta;
seconda riga: 2 carte;
terza riga: 3 carte;
quarta riga: 4 carte;
quinta riga: 5 carte;
sesta riga: 6 carte;
settima riga: 7 carte;
In mano ti rimarrà un mazzetto con 12 carte.
Ora che la piramide è pronta, puoi iniziare a giocare.
Si inizia dall’ultima riga: devi levare le carte, a due a due, in modo da ottenere come somma 10. Se, ad esempio, hai un 7 e un 3 puoi togliere quelle carte.
Se invece sul tavolo hai un 10 puoi levarlo subito.

Quando sul tavolo non c’è nessuna carta disponibile per ottenere un 10, controlla tra le carte del mazzetto che hai in mano se hai il numero che ti serve.
Fai attenzione: anche se la riga non è completamente eliminata puoi passare alla riga superiore: è necessario solamente che la carte in questione sia libera agli angoli dalle altre carte.
Il gioco termina se riesci a eliminare la piramide. In caso contrario hai perso.

Come si Gioca a Sopra e Sotto

Di seguito un gioco con i dadi da proporre come novità e variante ai vostri ospiti. Leggete attentamente la guida seguente.

In questo gioco i partecipanti non dovranno essere inferiori a cinque. Prendete un foglio abbastanza grande e una penna, e disegnate due grandi cerchi all’interno dei quali scriverete rispettivamente: 2, 3, 4, 5, 6 e 8, 9, 10, 11, 12. I giocatori dovranno lanciare a turno i dadi. Chi ottiene il punteggio più alto fa il banchiere.

A questo punto, tutti, tranne il banchiere, puntano uno o più gettoni su uno dei due cerchi. Il banchiere lancia i dadi. Se ottiene un numero tra due e il sei, paga tutte le puntate del cerchio corrispondente e ritira quelle dell’altro cerchio. Se ottiene un numero compreso tra l’8 e il 12, farà il contrario. Se infine, ottiene il 7, ritira le puntate di ambedue i cerchi.

Risulta essere ovvio che, visto che il banchiere ha maggiore probabilità di vincere rispetto ai giocatori, dovrete decidere si dal principio, dopo quanti tiri il banchiere dovrà essere sostituito. Si ripeterà quindi il lancio dei dadi e prenderà il banco colui che ha ottenuto il punteggio maggiore. L’ex banchiere potrebbe rinnovare la sua carica, se dovesse ottenere il punteggio maggiore.

Come Fare un Tovagliolo a Forma di Candela

Ecco un modello tradizionale dedicato alla piegatura del tovagliolo. Un’idea simpatica per apparecchiare con gusto e un pizzico di creatività la tua tavola. E per aprire il tovagliolo non dovrai fare altro che tirare la fiamma della candela. Buon lavoro!

Il tempo di esecuzione previsto è di cinque minuti. Le dimensioni della creazione finita saranno di quindici centimetri di altezza. Come prima cosa per poter realizzare quest’opera occorre mettere il tovagliolo ben disteso. Quindi porta l’angolo posto in basso su quello in alto. Poi piega le due punte sulla base del triangolo.

Adesso piega a un terzo dell’altezza verso il basso. Piega un’altra volta ancora verso il basso. Solleva la punta di sinistra lungo la linea che designa un triangolo. A questo punto arrotola completamente il tovagliolo su se stesso. Adesso piega verso il basso un lembo di tessuto, in modo da ottenere una sorta di linguetta.

Quindi incastra la linguetta appena creata sotto la base della candela formatasi. Ed ecco realizzata la candela con il tovagliolo, non ti resta che sistemarla per rendere particolare e diversa la tua tavola. Ti consiglio di realizzare quest’opera durante il periodo natalizio, vedrai che atmosfera e che effetto.

Come Unire Due Celle Excel

Se utilizzi spesso Excel ti sarai ritrovato anche tu nella necessità di unire due o più celle in una sola, per esempio lavorando ad una tabella, in particolare per creare una sola intestazione in comune tra più elementi. Come procedere in modo corretto e veloce? Non è per nulla complicato. Vediamolo in questa semplicissima guida.

Apri il tuo documento (sia esso da modificare o da impostare sin dall’inizio). A questo punto puoi procedere in due diversi modi, che ti consentono comunque di ottenere il medesimo risultato. Per prima cosa posizionati sulla prima delle celle da unire, e selezionale semplicemente spostandoti su esse con il mouse tenendo premuto il tasto sinistro dello stesso.

Una volta selezionate le celle, dal menù superiore seleziona la voce “Unisci celle”. Ti si aprirà un’ulteriore schermata. Da questa seleziona “Allineamento” e successivamente “Formato celle”. Vedrai a questo punto sparire gli spazi che separavano le celle selezionate.
Il medesimo risultato, come detto puoi ottenerlo anche mettendo in atto un secondo procedimento.

Parti sempre selezionando le celle di tuo interesse. Seleziona, quindi, dalla scheda “Allineamento” all’interno della sezione “Orizzontale” la voce “Allinea al centro nelle colonne”. In questo modo avrai unito le suddette celle. Inoltre, se decidi di utilizzare questa seconda via, riesci anche ad ovviare ad un piccolo inconveniente che si può presentare nel momento in cui si va a muovere il cursore al di sopra delle celle stesse.

Come Fare il Cambio Gomme Auto

Devi sapere che è molto importante periodicamente effettuare una sostituzione delle quattro ruote della macchina non solo per una maggiore sicurezza, ma anche perchè è il battistrato dei pneumatici si consuma facilmente. In questa guida ti darò tutte le istruzioni per poter effettuare questa operazione.

In caso di foratura, ti consiglio di sistemare l’auto in un posto pianeggiate ed inserire la retromarcia. Successivamente dovrai prendere un giravite per rimuovere il coprimozzo, la chiave per rimuovere i dati di fissaggio della ruota, e il martinetto per sollevare l’auto seguendo le istruzioni fornite dalla casa costruttrice.

A questo punto la prima cosa che dovrai fare è quella di rimuovere la ruota utilizzando tre leve specifiche per lo smontaggio delle gomme (quelle che usano i gommisti) e del sapone liquido per ammorbidire la spalla dei pneumatici. Poi dovrai sgonfiare la gomma e far scendere le spalle del pneumatico dal cerchio. A questo punto con un pennello dovrai insaponare l’interno delle spalle del pneumatico, per facilitare la rimozione dal cerchio.

Successivamente utilizzando una leva dopo l’altra, dovrai scalzare un lato del pneumatico dal cerchio. Sicuramente in questo modo ti risulterà più agevole separare il cerchio dalla gomma. Quindi, con il pennello dovrai insaponare i bordi del cerchio e l’interno della spalla del pneumatico nuovo. Con una certa semplicità è possibile infilare nel cerchio la prima spalla della gomma nuova, mentre per calzare la seconda dovrai utilizzare consecutivamente le tre leve. Dopo aver assemblato gomma e cerchio, chiudendo i dadi con una chiave dinamometrica per applicare il corretto serraggio, dovrai procedere al gonfiaggio della gomma e alla misurazione della relativa pressione. Mi raccomando dovrai ripetere l’operazione anche con le altre tre ruote.

Scroll To Top