Come Recitare una Parte Teatrale

La recitazione è l’interpretazione di un determinato personaggio o di una determinata circostanza fatta da un’altro individuo. Ci vuole molta sensibilità e mentalità aperta per riuscire a staccarsi dal proprio io e trasformarsi totalmente in un’altra persona e situazione.

Per iniziare, liberare la propria mente da ogni pensiero e convincersi di essere quel dato personaggio o quella data circostanza da interpretare.
Prendere il testo della parte che è stata assegnata alla recitazione del proprio personaggio o scena e cercare di memorizzare quanto possibile. Non memorizzare a memoria, ma cercare di immedesimarsi al soggetto o all’ambientazione da rappresentare.

Procedere costruendo la scena, sarà necessario creare sia il luogo in cui verrà fatta la rappresentazione teatrale, che i vari personaggi, seguendo le esigenze del copione per rendere verosimile la scena.
Per interpretazioni d’epoca, si consigliano costumi od arrangiamenti che si attengano più possibile al periodo. La stessa cosa dovrà essere fatta per eventuale acconciature di uomini e soprattutto di donne.

Per recitazioni locali, in cui si esige il gergo dialettale, cercare non solo di interpretare quanto più fedelmente possibile la scena assegnata, ma cambiare anche il proprio accento, seguendo quanto più sia possibile, quello originale della lingua o dialetto che si sta recitando. In palco o comunque di fronte agli spettatori, l’attore si trasformerà in un burattino che darà origine ad un’altro personaggio, dandogli espressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll To Top