Come Costruire un Paralume Orientale

In questa guida vi illustrerò come realizzare un paralume in stile giapponese semplicemente partendo da normali spiedini! E’ un oggetto che lascerà stupiti i vostri amici e allo stesso tempo darà atmosfera alla stanza. Seguitemi nella guida di oggi.

Occorrente
2 confezioni di spiedini legno 15 cm
2 confezioni di spiedini legno 25 cm
Un tubetto di colla a presa rapida

Prendi un cartone e col compasso disegna 2 cerchi da 12 cm di raggio. All’interno di questo cerchio disegna un esagono, che sarà poi la forma del nostro paralume.
Ora che hai i due esagoni di cartone ritagliali, perchè saranno la base e l’intelaiatura, della nostra lampada. Posiziona un esagono sul tavolo, e incolla in corrispondenza di ogni angolo, ed in verticale, 6 spiedini da 25 cm.

Ora prendi quelli da 15 cm e incollali a 5 mm di distanza l’uno dall’altro, ed in orizzontale, in modo da ottenere un reticolo. Compi questo passaggio per tutti e 6 i lati. Ora che hai ottenuto il contorno del paralume, passiamo alla sommità. Prendi della carta da pacchi, ritagliala sempre a forma di esagono come i 2 cartoncini e taglialo però a metà, in modo che questo taglio rimasto consenta il passaggio dei fili.

Sulle due metà dell’esagono, spalma un bel pò di colla e attacca tutti gli spiedini rimasti, sempre in ordine orizzontale o verticale a tuo piacimento.
Metti il “tetto” così realizzato sulla lampada, ed è pronta!
Ora basta infilare un portalampada già dotato di filo elettrico e una lampadina e il nostro paralume è pronto per essere usato.

Come Allenare le Spalle

Le spalle, sono una componente essenziale del nostro corpo anche dal punto di vista estetico. Il sogno di uomini e donne, è quello di vedere i propri Deltoidi, così si chiamano i muscoli delle spalle, tonici e guizzanti. Ma, allenare questa parte muscolare, richiede attenzione e metodo.

L’allenamento dei muscoli Deltoidi, o della spalla come comunemente noi la definiamo, ti impegnerà molto ma, non in termini di fatica quanto di concentrazione e qualità. Vai in palestra e, dedica al riscaldamento almeno 25 minuti, passando dai macchinari aerobici quali step, tapis roulan, ciclette orizzontale, al lavoro di stretching a terra. Cura bene il riscaldamento delle spalle, effettuando cicli di circonduzioni, alternate a slanci delle braccia verso l’alto, in modo non forzato ma dinamico.

Prendi una panca e, rialza lo schienale a 90°. Afferra un bilanciere non troppo pesante, che ti permetta almeno 30 ripetizioni di questo esercizio classico che, prevede che tu ti metta seduto e porti il bilanciere a braccia distese sulla testa, lungo la linea del corpo. Inspirando lentamente, conta 5 secondi mentalmente, fai scendere il bilanciere fino alla base del collo e poi, con un gesto dinamico, distendi nuovamente le braccia, espirando. Lavorerai il muscolo Trapezio e i Deltoidi e, devi effettuare almeno 3 serie dopo questa, con 15, 12 e 10 ripetizioni. Il tempo di recupero fra una serie e l’altra, sarà di 5 minuti.

I recuperi piuttosto lunghi fra le varie serie, sono dovuti al fatto che i muscoli delle spalle, ancorchè piccoli, tendono a “soffrire” molto il lavoro ai pesi e, procurano dolore. Non ti preoccupare, e passa al secondo esercizio, sempre seduto alla panca ma, utilizzando dei manubri. Porta i manubri alle spalle, con le mani rivolte avanti e, con forza e espirando, spingili verso l’alto, con i gomiti a effettuare una curva ideale, fino a riunirli sopara la testa, con le mani rivolte una verso l’altra. Un riscaldamento di 30 ripetizioni e, 3 serie di 12, 10 e 8, con lunghi recuperi, di almeno 3 minuti. Lavora 2 volte la settimana le spalle, e chiudi l’allenamento con stretching leggero.

Come Costruire il Gioco dell’Oca

Il gioco dell’oca è un classico dei giochi da tavolo, forse il più famoso e il più semplice da giocare e allo stesso tempo, tra i più divertenti. In questa guida trovi le istruzioni per realizzare tutti gli elementi necessari per giocare (dal tabellone alle pedine, al dado). Alla fine potresti scoprire che costruirlo è quasi più divertente che giocarci.

In primo luogo, va precisato che puoi costruire il gioco come più ti piace. Puoi scegliere la forma, il numero di caselle, la grandezza e i colori che preferisci. Quello che ti propongo è un modello ispirato al gioco classico ma, come detto, puoi personalizzarlo come vuoi.
Su un grosso foglio di cartoncino, disegna una forma a spirale come quella nell’immagine.
Poi, all’interno della spirale, disegna le caselle semplicemente tracciando delle linee verticali parallele distanziate tra loro di 4-5 centimetri. Devi disegnare 63 caselle.
Numera le caselle iniziando dalla parte esterna e procedendo verso l’interno della spirale.

Quando avrai numerato tutte le caselle, devi contrassegnare alcune di esse con dei simboli e disegni che hanno diversi significati.
Su ogni nove caselle, a partire dalla casella 9 (quindi nelle caselle numero 9, 18, 27, 36, 45, 54 e 63) disegna un’oca: chi finisce in queste caselle può lanciare di nuovo i dadi.
Nella casella 6 disegna un ponte (che ha un significato uguale alle caselle con l’oca) e nella 19 una casa che indica che bisogna stare fermi 3 turni.
Alle caselle 31 e 51 raffigura un pozzo (si rimane fermi finché non arriva nella casella un altro giocatore).
Nella casella 42 disegna un labirinto a indicare che si deve tornare alla 39;
Infine, nella casella 58 raffigura uno scheletro che significa che si torna alla 1.

A questo punto il tabellone è pronto, passa a costruire le pedine.
Puoi disegnare delle oche e dipingere con colori differenti. Poi ritagliale lasciando un lembo bianco di carta sulla parte inferiore in modo che ripiegandolo, formi una base d’appoggio.
Puoi anche creare delle piccole statuine con il Das o la creta oppure, più semplicemente, puoi utilizzare dei bottoni con colori diversi (uno per ogni giocatore). Insomma, dai sfogo alla tua fantasia.

L’ultimo passo e la costruzione del dado. Disegna un modello simile a quello mostrato in questa immagine e ritaglialo. Piega tutte le parti lungo le linee e passa un leggero strato di colla sulle linguette che stanno ai lati dei quadratini. Poi, richiudi il tutto dando la tipica forma a cubo.

Volendo, puoi anche utilizzare una piccola scatola cubica scrivendo su ogni faccia i numeri.

Come Realizzare un Gatto con gli Origami

Con l’origami è possibile costruire un po’ tutto l’importante è, partendo dalle realizzazioni più semplici, diventare via via sempre più padrone della tecnica. Ad un livello superiore è possibile realizzare anche modelli in 3d. Con questa guida voglio insegnarvi a costruire la faccia di un micetto.

Prendete un foglio quadrato e, se colorato o decorato, ponetelo in maniera che la parte bianca sia rivolta verso l’alto. Disponetelo sul tavolo a guisa di un rombo e piegatelo unendo idealmente il vertice destro e il vertice sinistro. Adesso piegate ulteriormente il foglio in maniera da ottenere due triangoli rettangoli sovrapposti.

Aprite nuovamente il foglio in maniera da ritornare al primo triangolo ottenuto. Piegate il triangolo a partire dalla base inferiore in modo da ottenere due ulteriori triangoli rettangoli con un vertice rivolto verso l’alto. I nuovi triangoli devono avere le punte alla stessa altezza della punta del viso.

La punta alta del viso va adesso piegata in maniera che il vertice sia rivolto verso il basso. Adesso rigirate la costruzione così ottenuta e iniziate a decorarla aggiungendo i dettagli del viso, oppure facendo una caricatura dell’animale stesso o di una persona da prendere bonariamente in giro.

Come Realizzare un Bongo

In questa guida descrivo la costruzione del famoso bongo. Tamburo che farà di sicuro divertire i bambini che potranno giocarci e te che potrai tirare fuori la tua creatività. Vedrai che non troverai difficoltà, se seguirai attentamente la guida. Buon divertimento.

Occorrente
Un grosso barattolo di marmellata, la camera d’aria di un pneumatico, spago, forbici, una grande scatola rotonda di cartone, uno spago, un oggetto appuntito per fare buchi, due bastoncini, due mattoncini o due cubi da costruzione, forbice, carta vetrata grossa, puntine da disegno o colla

Per costruire il bongo, ritaglia dalla camera d’aria un disco più largo del coperchio del barattolo. Togli il coperchio, applica il disco di gomma e legalo stretto con uno spago. Tendi il disco di gomma mentre lo leghi sul barattolo per avere un suono più acuto. Suona il bongo percuotendolo con il palmo delle mani e con le dita.

Per creare il tam tam, togli il coperchio da una scatola di cartone. Appena sotto l’apertura fai un buco sul lato della scatola. Fanne un altro esattamente sulla parte opposta. Infila lo spago nei buchi e legane i capi. Appendi al collo la scatola e rimetti il coperchio. Decora la scatola con i colori a tempera se vuoi renderla più allegra. Usa due bastoncini o due birilli come bacchette.

Per creare i cubi di carta vetrata taglia due pezzetti di carta vetrata e incollali o fissali con le puntine ai cubi. Strofina più volte i cubi uno contro l’altro per ottenere il suono. Ricorda che per costruire il bongo puoi usare anche barattoli di conserva o caffè. Nella costruzione del tam tam puoi anche fissare il coperchio della scatola con il nastro adesivo.

Scroll To Top