Cosa Vedere a Washington

Washington è una delle città più importanti al mondo, soprattutto fra le più influenti nella vita politica mondiale, in quanto è la capitale degli Stati Uniti d’America.

Ha una popolazione di più di 6.000.000 di abitanti, e la troviamo sulla costa orientale degli Stati Uniti, circa a 50 km dal mare, vicino al Maryland.

A Washington si trovano i principali uffici del governo, fra cui la Casa Bianca, il Congresso, e la Corte Suprema. La Casa Bianca è un po’ il simbolo di questa città, che si trova al centro di un parco e qui abita il Presidente con la sua famiglia. La Casa Bianca è possibile anche visitarla con delle guide, solo però in alcune stanze, e lo si può fare anche gratuitamente.
Nella Casa Bianca vengono anche ospitati e ricevuti i capi di stato, e i vari rappresentanti politici.

Washington ovviamente non è solo la Casa Bianca, ma ci sono anche tante altre cose che si possono visitare, come la National Mall, ovvero una zona molto grande dove si trovano i più importanti musei della città. Questi sono il National Air and Space Museum, il Museum of Natural History, il National Museum of American History, il Smithsonian Museum e la National Gallery, un museo bellissimo considerato uno dei simboli della città, e uno dei musei più belli di tutti gli Stati Uniti.

Altre attrazioni della città, sono il Lincoln Memorial, il Vietnam, Veterans Memorial e il Franklin Delano Roosevelt Memorial.

Essendo una città molto grande, è molto caotica e per questo i mezzi pubblici sono molto efficienti. Ci sono tantissimi taxi e anche diversi pullman.

Per visitare Washington, la stagione consigliata è quella primaverile, o anche a partire da settembre fino a novembre.

Washington presenta anche una vita notturna particolarmente intensa; sono presenti attrazioni per tutti i gusti, fra cui non possono mancare i cinema, i teatri, e molte discoteche.

Come Recitare una Parte Teatrale

La recitazione è l’interpretazione di un determinato personaggio o di una determinata circostanza fatta da un’altro individuo. Ci vuole molta sensibilità e mentalità aperta per riuscire a staccarsi dal proprio io e trasformarsi totalmente in un’altra persona e situazione.

Per iniziare, liberare la propria mente da ogni pensiero e convincersi di essere quel dato personaggio o quella data circostanza da interpretare.
Prendere il testo della parte che è stata assegnata alla recitazione del proprio personaggio o scena e cercare di memorizzare quanto possibile. Non memorizzare a memoria, ma cercare di immedesimarsi al soggetto o all’ambientazione da rappresentare.

Procedere costruendo la scena, sarà necessario creare sia il luogo in cui verrà fatta la rappresentazione teatrale, che i vari personaggi, seguendo le esigenze del copione per rendere verosimile la scena.
Per interpretazioni d’epoca, si consigliano costumi od arrangiamenti che si attengano più possibile al periodo. La stessa cosa dovrà essere fatta per eventuale acconciature di uomini e soprattutto di donne.

Per recitazioni locali, in cui si esige il gergo dialettale, cercare non solo di interpretare quanto più fedelmente possibile la scena assegnata, ma cambiare anche il proprio accento, seguendo quanto più sia possibile, quello originale della lingua o dialetto che si sta recitando. In palco o comunque di fronte agli spettatori, l’attore si trasformerà in un burattino che darà origine ad un’altro personaggio, dandogli espressione.

Come Recitare una Poesia

La poesia regala sempre delle grandi emozioni, le parole hanno un significato profondo che viene ben percepito da chi le legge e quindi spesso si emoziona per loro, ma recitarla o leggerla in pubblico può risultare problematico, ecco qualche consiglio su come prepararsi a questo evento.

Il primo consiglio che mi sento di darti è quello di leggere varie volte la poesia o le poesie che dovrai recitare in pubblico. In questo modo percepirai bene il significato delle parole scritte dall’autore (sempre che questo non sia tu), così facendo le capirai meglio perchè le vivrai anche dentro di te.

Cerca quindi di immedesimarti nella situazione raccontata, sarà più semplice se si tratta di una poesia d’amore, in questo caso dovrai mettere passione nella parole che leggi. Volendo potrai accompagnarle con dei piccoli gesti delle tue mani, ma soprattutto rispetta la punteggiatura e le eventuali piccole pause tra una strofa e l’altra.

Più difficile può essere l’interpretazione di una poesia malinconica e quindi triste, magari legata ad un avvenimento drammatico, in questo caso dovrai trasmettere quei sentimenti e quelle sensazioni, il tono della tua voce sarà ancora più importante. Ricorda che oltre a recitarla una poesia dovrai interpretarla, quindi sentila tua e vedrai che tutto sarà più facile.

Come Recensire un Libro

Ti piace leggere e scrivere? Hai appena letto un libro che ti ha destato interesse e vuoi discutere con qualcuno della tua opinione? Trovare dei lettori che la pensano come te od iniziare un bel discorso sul libro? Vuoi scrivere una recensione e non sai da dove iniziare?

Come primo passo devi aver chiare le idee sulla recensione. Se non hai mai letto una recensione ora è il momento di farlo, cerca di leggerne diverse dello stesso autore per capire se ha uno stile proprio e per conoscere alcuni trucchi che tutti i recensionisti utilizzano. Potresti per esempio entrare in un sito letterario e sbirciare tra le sue pagine.

Ora che hai alcune informazioni devi riprendere il libro che hai letto e segnare i punti che vuoi sviluppare. Bastano tre punti importanti: la trama, lo stile, i personaggi. E’ molto importante che tu inserisca il tuo pensiero nella recensione, non tanto se ti è piaciuto o meno, ma si presuppone infatti che tu scriva una recensione per un libro che ti ha destato un qualche interesse. Scrivere dello stile è forse la parte più complessa se non hai molta dimestichezza e quindi potrai anche tralasciarlo. Meglio evitare di scrivere su qualcosa che non si conosce a pieno.

Una recensione non ha un limite di battute ma per lo meno dovrebbe contenere un 300 o 500 parole per fare in modo che il tuo potenziale lettore non la consideri ne troppo breve ne troppo lunga. Risulta essere importante incuriosire il lettore dando la propria visione del libro letto che si vuole recensire. Molto importante anche il titolo della recensione, cercate di evitare i titoli troppo lunghi ed incomprensibili, nel corpo del testo avrete tutto lo spazio necessario per divagare.

Come Sommare le Frazioni

In questa guida spieghiamo come sommare le frazioni.

La somma di frazioni è piuttosto semplice, per spiegare come fare prendiamo in considerazione le frazioni 7/30 e 25/84.
La prima cosa da fare è calcolare il minimo comune multiplo dei due denominatori.

La procedura è spiegata nel dettaglio in questa guida sul calcolo del minimo comune multiplo.
Bisogna scomporre i due denominatori nel prodotto di numeri primi.
30 = 2 x 3 x 5
84 = 2 x 2 x 3 x 7

A questo punto è possibile ottere il minimo comune multiplo moltiplicando il primo numero per i fattori del secondo che non compaiono nella scomposizione del primo.
2 x 3 x 5 x 2 x 7 = 420
Se nella scomposizioni del secondo numero sono presenti termini che compaiono più volte, bisogna aggiungeri per il numero di vole in cui non compaiono nella scomposizione del primo numero.

A questo punto bisono trovare il nuovo numeratore delle due frazioni.
Per fare questo bisogna dividere il denominatore comune per il denominatore della frazione e moltiplicarlo per il numeratore.
420 : 30 = 14
14 x 7 = 98

420 : 84 = 5
4 x 25 = 125

A questo punto è possibile fare la somma.
98/420 + 125/420 = 223/420

Abbiamo quindi ottenuto la somma tra le frazioni.

Scroll To Top